Downshifting e automobili

Porsche
Porsche (Photo credit: Wikipedia)

Sempre sulla scia del discorso decrescita, downshifting e sopratutto attuazione del Piano B. Perchè un Piano B passa per forza attraverso una serie di scelte che si fanno a monte, siete d’accordo?Avete mai pensato ai costi indotti dal possesso di un’ automobile? Perchè spesso si valuta il costo dell’oggetto senza tenere conto che molto subdolamente il grosso delle spese è generato appunto da quella serie di operazione che dovremo affrontare poi per il solo fatto di esserne in possesso:

  • automobile
  • eventuali interessi su finanziamento acquisto
  • bollo
  • assicurazione
  • carburante
  • multe
  • pedaggi autostradali
  • soste/parcheggi a pagamento
  • affitto/acquisto garage
  • ruote termiche
  • tagliandi
  • lavaggio
  • ammenicoli vari tipo Tom Tom, stereo con entrata usb per i pod ecc ecc
  • svalutazione rapidissima del mezzo

La macchina: oggetto del desiderio.

L’automobile per come nasce è un mero oggetto di trasporto, un macchinario che ci conduce più o meno agilmente dal punto A al punto B. Stop. Poi si sa, a noi piace la bellezza e la comodità e da quì in poi è un susseguirsi di rincorse alla perfezione, alla cura del particolare, alla prestazione e alla lievitazione del  prezzo. Di quì il prestigio del possesso. Tralasciando i due estremi, cioè chi la macchina non ce l’ha e chi invece ha il macchinone e se lo può pure tranquillamente permettere, nel mezzo ci sguazza una maggioranza di italiani che usufriscono del mezzo con varie finalità.

La mia, di finalità, è puramente di usufrutto di un mezzo di locomozione caldo e ascutto d’inverno, fresco e ventilato d’estate.

Io ho preso una Citroen C2 1.4 Diesel nel 2004 seminuova (marzo 2003) l’ho pagata in contanti già un bel po’ svalutata ma con appena 10.000 km. A tutt’oggi svolge il suo porco lavoro con 130.000 km sulla groppa, i cavalli fiscali sono 50 e pago 148,00 euro di bollo l’anno. L’assicurazione viaggia sui 480,00 euro annuali, potrebbe essere più bassa ma l’ho assicurata per incendio e furto visto che con un così basso valore l’aggiunta di queste due clausole aumenta di soli 50 euro la polizza e la qual cosa mi permette di non preoccuparmi di avere o comprare un garage ma di lasciare serenamente la macchina in strada (senza contare che sono stata rimborsa del 50% (200 euro) dal furto delle ruote subìto quest’estate a Jesolo e sono quindi rientrata della spesa extra delle voci assicurative incendio-furto per almeno 4 anni.

I consumi sono buoni, sui 15 km/l con un’andatura non delle più lente (hem…) pur cercando di rimanere quasi sempre nei limiti imposti dal regolamento stradale per cercare di non prendere sanzioni

Niente Tom Tom (utilizzo il navigatore sul cellulare casomai), lavaggio raro e spesso effettuato da me medesima , ruote e tagliandi sono proporzionati ad un’utilitaria mediamente usata e dignitosamente tenuta. Quindi accettabili.

Ho ancora un margine di miglioramento : i parcheggi a pagamento. Son pigra, arrivo in centro e la metto dove trovo posto, il più vicino possibile a dove devo andare, specie d’inverno.

Per il resto mi ritengo soddisfatta, la mia macchina mi porta dove voglio, con decente comodità e silenzio, non consuma molto e i costi di gestione sono contenuti.

La vedessi adesso ci guadagnerei 3.000 euro.Lo farò solo quando mi darà cenni di mancamento o per sopraggiunte diverse necessità altrimenti…. bando al prestigio mi vedrete ancora per un bel po’ a bordo di ella !

Il tutto per dire che certo, non disdegnerei il poter scorrazzare con una nuova macchina performante e bella ma se si vogliono avere dei progetti di riscatto, se si vuole davvero provare a crearsi una vita alternativa gratificante e che ci assomigli un pochino tocca per forza fare sacrfici, scegliere, rinunciare, non lamentarsi . Ma saranno tutte scelte felici, sensate che riempiranno di gioia, speranza e orgoglio .

(Hem…in merito allo scorso post ho stilato la classifica con i vostri lavori per il mio Piano D ma… non mi piacciono! Abbiamo tutti o quasi lavorato sempre e solo in ufficio davanti ad un computer e un telefono, facendo varie cose sì, ma alla fine siamo davvero dei topi da biblioteca eh?!)

Annunci

19 pensieri su “Downshifting e automobili

  1. Un post ispirante… che condivido in pieno.
    Sto cercando (ma non capisco se son lenta io o poco appetibile lei) di vendere la nostra Punto – non inorridire, ti prego: siamo rimaste in due, e abbiamo due auto!!
    Fino all’anno scorso ho ritenuto fosse giusto tenere entrambe, non entro nel dettaglio dei perché. Ora mi auguro di non girare a vuoto e riuscire a piazzarla; ha 15 anni ma è tenuta benissimo e ne può fare tranquillamente altrettanti.

    L’alternativa che ho considerato – sarebbe perfetta, se solo avessi un posto dove sbatterla e lasciarla a tempo indeterminato, al riparo – è quella di tenerla, ma ferma. Pagando quindi il bollo, certo, ma nient’altro.
    Scommetto che un domani mi porterebbe ancora in giro, e fra le due prima di doverne acquistare una nuova arriverei agli 80 anni…

    1. No no Denise cerca di vendere. Cose ferme non vanno bene…comunque, anche s epoco costano, poi nel caso della macchina si ovalizzano le ruote, tocca cercare un garage e sopratutto, hai mai sentito parlare di spaceclearing?, sopratutto non ti si libera spazio ed energia. Via via, se hai deciso che non ti serve si vende….poi si vedrà !

      1. Uhm, tutto vero, e fossi da sola lo approverei.
        Ma la situazione, qui, è leggermente più complessa.
        E’ ovvio che senza un posto dove tenerla gratuitamente, cosa che sto cercando ma dubito troverò, non se ne parla neanche… a questo punto la speranza è di venderla entro i prossimi sei mesi, cioè entro la prossima rata. Non voglio nemmeno pensare a rottamarla!

        Ruote e bollo non sarebbero un problema, davvero.
        Se ci fosse un posto, appunto.
        Ma non mi resta che darmi da fare e vedere, adesso.

  2. io avevo la ciompy (punto bianca) me l aveva regalata il fratellone. consumava un fottio di benzina (o meglio il mio stipendio non arrivava a coprire pure lei) così ho preso lo scooter… il più bell’acquisto della mia vita. fino a quando le sciroccate in bici hanno pensato bene di farmi volare e disintegrare la gamba sinistra. ergo.. venduto lo scooter.
    nell anno necessario per rimettermi in piedi (in tutti i sensi) la ciompy è passata a miglior vita e così è arrivata la puffa (la smart blu) che ho comprato usata e con il motore fuso, l ho fatto aggiustare da mio fratello con notevolisssimo risparmio. perché? perché è tra le pochissime (se non l unica) che mi permette di lasciare la gamba sinistra a riposarsi, visto che il cambio è automatico.
    lo ammetto ho pure pensato che si poteva farne a meno. ma ci sono dinamiche familiari che non permettono proprio la scelta in scioltezza. e non sempre i mezzi sono all altezza delle aspettative…
    in ogni caso è un mezzo che permette di andare da A a B, sono d accordo con te. e il fine settimana preferisco camminare!

  3. Io ho una C3 del 2009, la prima macchina che ho comprato nuova. Prima avevo una Uno presa di seconda mano che mi ha accompagnato per 10 anni e che ho sostituito per raggiunti limiti d’eta’, ma se ci ripenso e me la immagino diventata un “cubetto” di lamiere rottamate mi viene il magone…
    La C3 l’ho comprata in contanti, pago come te di bollo e di assicurazione, anche io con furto e incendio perche’ la parcheggio sempre in strada. In centro in macchina non ci vado praticamente mai (follia qui a Roma!!) e quindi i soldi che spendo di parcheggio sono tipo forse 10 euro l’anno 😀 Tagliando ogni 2 anni perche’ a 20mila km non ci sono nemmeno ancora arrivata dopo quasi 4 anni, la uso solo per fare dei giri in citta’. Ah dimenticavo va a GPL cosi’ non spendo troppo di benzina.
    Gomme invernali mai messe, se si sta a Roma e non la si usa per giri piu’ lunghi non servono. Per i viaggi lunghi c’e’ quella aziendale del maritino che ha tutto spesato (per ora, mi sa che a breve gliela levano…) per cui usiamo quella.
    Non me ne frega nulla della macchina mi basta che mi porti da A a B, quando ho fatto l’acquistone 4 anni fa ho fatto una specie di comparativa per vedere quale modello mi andava bene: i parametri sono stati dimensioni, capienza bagagliaio, consumi (e presenza del GPL), e poco altro. Poi pero’ ho speso 800 euro in piu’ per avere bluetooth, presa USB e presa Aux (ho dovuto comprare tutto il pacchetto “executive” per avere ste tre cose!!), ma vabbe’, una tantum potevo anche permettermelo.
    Non capisco affatto chi compra un’auto nuova ogni 3 anni al massimo, la mia voglio che arrivi a “fine carriera” con me 🙂

  4. uso l’auto per necessità, il meno possibile. ho una matiz del 2008 perchè la fiat tipo del ’92 che ho ricevuto in regalo nel 2005 (ho pagato solo il passaggio di proprietà) ha tirato le cuoia.
    sono totalmente immune al fascino delle auto, punto alla praticità e bado molto al prezzo.
    prediligo lo scooter, del ’94, anch’esso ricevuto nel 2004 da uno zio, un catorcio che però funziona ancora, più o meno. è che lo scooter consuma molto meno e non pago il parcheggio in centro.
    se fa caldo e lo scooter non parte si va in bici. d’estate con la bimba si va in giro in bici il più possibile, niente macchina.

  5. ho letto solo le prime righe, poi mi è venuta l’angoscia….. proprio oggi ho ritirato l’auto nuova dal concessionario, ho rottamato quella che aveva 15 anni.
    mia moglie appena ha visto l’auto si è innamorata e ha detto: questa la uso io……. bene a me sono rimaste le spese.
    ciao maurizio
    ps domani con più calma leggo tutto il post, ma sono sicuro che sarà splendido… come sempre!

  6. IncrediMobile:
    Touran del 2004 con 230.000 km. Non ho l’assicurazione contro il tetano ma dovrei farla.
    Ne vado orgoglioso perché é spaziosa, ci metto sopra il kayak e tiro dentro gli zaini non curante di dove cadano. I figli hanno divelto tutte le bocchette dell’aria.
    X me due must
    1 viva voce Bluetooth xchè la musica deve essere sempre presente
    2 gomme invernali
    I carrozzieri se dipendessero da me sarebbero morti di fame

    Ah dimenticavo, l’auto é targata Veneta……. Ció….

  7. Comprai la mia prima auto nel 2007, guarda caso l’anno in cui entrai di ruolo nella scuola, dunque l’inizio di una doppia schiavitù: il posto fisso e l’automobile. Era una Ford Ka di TERZA mano, del 2000, pagata meno di 2000 euro, che ora riposa tranquilla nel mio garage a tempo (forse) determinato, con l’assicurazione bloccata fino al mio ritorno. Nel Sud-Est Asiatico ho vissuto senza macchina e ho riscoperto il piacere di camminare e prendere i mezzi pubblici; in Oman, invece, senza macchina non puoi andare da nessuna parte. In Iran non avere la macchina è stata una benedizione: non avrei mai scoperto che sul metrò c’è la sezione WOMEN ONLY. Meditate, gente…

    1. Sunday sono certa che girare il mondo implica vedere ed accorgersi di cose che nella vita “normale” si danno per scontate, sia nel bene che nel male, vero? Tipo il possedere o meno una macchina.In effetti, ora che ci penso, tutte lel volte che ho vissuto all’estero, circa 3 anni in totale, non ho mai posseduto una macchina…..Meditiamo gente meditiamo…

  8. Poco tempo fa ho analizzato quanto effettivamente utilizzo l’auto (due volte al mese per andare a trovare la mia famiglia in campagna) e mi sono accorta di poterne fare a meno così l’ho messa in vendita. E’ vero che abito in centro e in bici raggiungo ogni angolo della città, ma sono tante le persone nella mia stessa situazione che non ci pensano neanche e poi si lamentano della mancanza di parcheggio. Ci sono i treni, i bus, le biciclette e anche i nostri piedi, senza auto si può sopravvivere lo stesso!

  9. Son così fortunata da non averla mai avuta, sempre e solo la bici! Quando mi trasferirò in campagna invece mi sa che me la dovrò prendere, magari me la vendi tu 🙂 A quel tempo farò anche un lavoro che ti piace di più, meno bibliotecario! trovo peraltro scandaloso quello che lo Stato guadagna in tasse e IVE varie sull’automobile, cosa che fa intuire come mai i trasporti pubblici e forme alternative di energia e mobilità non siano mai state considerate prioritarie…

    1. Ma che brava!Complimenti davvero!Certo , non sempre è possibile nn avere la macchina propria ma sarebbe davvero bello poterlo almeno prendere in considerazione!…Sulle tasse, Iva ecc più o meno nascoste in ogni spesa relativa all’auto…No comment.Che vuoi dire?Anzi, hai già detto tutto tu.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...